Miniere di Camisolo a Introbio

Photo credits: Gabriele Invernizzi

Descrizione

Le Miniere di Camisolo , in Val Biandino di Introbio , sono considerate tra le più grandi ed antiche della Lombardia. Sulla vetta del Camisolo , nelle vicinanze del Rifugio Grassi sulla Dorsale Orobica Lecchese , presso il Pizzo dei Tre Signori, al culmine della valle e ai confini della Valsassina e di Val Torta , sorgono ancora oggi vasti depositi di rifiuti di miniera di piombo argentifero.

Tutto ebbe inizio il 5 agosto 1862 presso il ” Palazz de Valbona ” , quando fu inaugurata la Società detta ” La Virginia “, istituita a Bergamo , che si dedicava allo scavo e all’estrazione nelle miniere di rame e piombo argentifero in Valsassina. Si dedicò inizialmente alla costruzione di abitazioni per i minatori , all’ apertura della mulattiera , della quale ancora oggi esistono tracce , per fare in modo che con carrette e slitte si potesse trainare il minerale fino ad Introbio. Qui , si era ricostruito ed ampliato un opificio ( Fornett ), che era stato in precedenza uno dei più importanti forni fusori di ferro , nel quale ci si occupava di polverizzare e lavare il minerale.

Le miniere della Valsassina furono ben presto abbandonate ; quelle di Camisolo , però , vennero riaperte nei primi del Novecento dalla società inglese ” The Camisolo Mines Limited ” per opera di valsassinesi volenterosi di portare avanti il progetto. L’ attività mineraria si svolgeva principalmente tra l’ autunno e la primavera ed era piuttosto complementare a quella pastorizia , altrettanto importante e ancora oggi praticata.

Foto di Matteo Ceruti, Gabriele Invernizzi e dai siti mapio.net e www.prgamici.eu

Contatti

Indirizzo:Val Biandino, Introbio, LC, Italia

Mappa

Galleria fotografica

Categoria

TAG

SCOPRI DI PIU'

ACQUISTA TREKKING
OFFERTA CAMERE VIANDANTE
ACQUISTA IDEE REGALO
BOOKING CAMERE
BOOKING GRUPPI
BOOKING SCUOLE
This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Contattaci